Dall'aquilano a Chieti Scalo nonostante la zona arancione: ora tre giovani devono pagare più di 500 euro a testa

Sono stati fermati dagli agenti della squadra volante: non avevano la mascherina e non hanno saputo spiegare perché fossero lì

Dalla provincia dell'Aquila, dove vivono, sono arrivati a Chieti Scalo, ma non avevano un motivo valido per farlo. Per questo, tre ragazzi di 23, 25 e 26 anni sono stati sanzionati pesantemente: dovranno pagare 533 euro ciascuno. 

I tre sono stati fermati ieri dagli agenti della squadra volante di Chieti, impegnati nei controlli disposti dal questore Annino Gargano sul rispetto della normativa anti Covid. 

I ragazzi si trovavano in auto, nei pressi del parco fluviale, peraltro senza indossare la mascherina. Quando gli agenti hanno chiesto loro cosa ci facessero lì, non hanno saputo giustificare il loro spostamento in un altro comune.

Per questo, viste le restrizioni dovute alla zona arancione, sono stati stanzionati, con un aggravio perché per lo spostamento hanno usato un mezzo di trasporto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Megalò arriva il colosso irlandese Primark

  • L'Abruzzo torna in zona arancione da domenica

  • Esce dal negozio con le scarpe nuove ai piedi, dopo aver messo le vecchie nella scatola: denunciato

  • Focolaio dopo l'uccisione del maiale: a Pizzoferrato salgono a 71 i positivi

  • Allerta meteo della Protezione civile: nevicate fino a quote collinari

  • "Ti pago 100 euro al mese se mi racconti tutto quello che fa il mio ex”: denunciata

Torna su
ChietiToday è in caricamento