menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa

Foto Ansa

È morto il giornalista Sergio Zavoli, presidente di giuria del Premio Prisco

Il maestro del giornalismo televisivo se n'è andato ieri sera, a Roma, all'età di 96 anni

Dopo la morte, a marzo, del giornalista Gianni Mura, componente della giuria del Premio Prisco, la rassegna è funestata da un'altra scomparsa, quella del presidente di giuria Sergio Zavoli. 

Zavoli, maestro del giornalismo televisivo, se n'è andato ieri sera, a Roma, all'età di 96 anni. 

Creatore di programmi storici come La notte della Repubblica, è stato radiocronista, condirettore del telegiornale, direttore del Gr, presidente della Rai dal 1980 al 1986, autore di inchieste che hanno segnato la storia.

Nato a Ravenna nel 1923, Zavoli era entrato alla Rai nel 1947 come giornalista radiofonico. Nel 1968, il passaggio alla tv: Zavoli ideò trasmissioni di grande successo come TV7, AZ, Controcampo; l'anno successivo diventò condirettore del Telegiornale e poi ancora direttore del Gr1 (1976) e presidente della Rai (1980-86).

Zavoli è stato anche direttore del Mattino di Napoli (1993-94) e ha firmato come opinionista per varie riviste come Oggi, Epoca, Jesus. Senatore dal 2001 al 2018, nel 2009 è stato eletto presidente della commissione parlamentare per la vigilanza sulla Rai.

Ha scritto saggi, come Viaggio intorno all'uomo (1969), Nascita di una dittatura (1973), La notte della Repubblica (1992), legati a sue trasmissioni televisive di successo. Ha pubblicato anche Dieci anni della nostra vita: 1935-1945 (1960); Altri vent'anni della nostra vita: 1945-65 (1965); Figli del labirinto (1974); Socialista di Dio (1981); Romanza (1987); Di questo passo (1993); Un cauto guardare (1995); Dossier cancro (1999); Il dolore inutile (2002); Diario di un cronista (2002); La questione: eclissi di Dio e della storia (2007).

Nel 2011 ha pubblicato il libro autobiografico Il ragazzo che io fui; la sua sterminata produzione ha coinvolto anche la poesia. Tra i programmi televisivi: Viaggio nel sud (1992); Nostra padrona televisione (1994); Credere, non credere (1995), dal quale è stato tratto un volume (1997).

Zavoli venne eletto in Senato, con i Democratici di Sinistra, nel 2001, con l'Ulivo nel 2006 e con il Partito Democratico nel 2008 e nel 2013. Nel 2018 scelse di non ricandidarsi.

Domani sarà allestita la camera ardente, probabilmente in Senato, poi la salma sarà tumulata a Rimini. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento