menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morte Sanvitale, non ci saranno celebrazioni civili o religiose

Il fondatore dell'istituto nazionale tostiano, scomparso la scorsa notte ad Ortona, aveva espresso la volontà di non essere salutato in un funerale, e così la famiglia ha deciso di fare. "Il miglior ricordo - dice il presidente Ciccone - sono le sue opere"

Francesco Sanvitale non verrà salutato pubblicamente: per sua volontà dichiarata prima di morire, e per volere della famiglia, non ci saranno celebrazioni civili o religiose.

Lo rende noto Marco Ciccone, presidente dell’Istituto nazionale tostiano di Ortona, che proprio il musicologo scomparso la stessa notte aveva fondato.

"Intellettuale di vaglia, Francesco Sanvitale ha segnato la musica e la musicologia abruzzese essendo stato protagonista da giovanissimo della maggiori istituzioni musicali regionali, a partire da quelle aquilane per poi avviare l'avventura dell' Istituto nazionale Tostiano fondato con Tommaso Caraceni nel 1983 - scrive Ciccone - fino all'impegno in qualità di direttore artistico delle stagioni operistiche teramane. Amante degli studi storici, si era ritagliato un ruolo nell'ambito degli studi risorgimentali occupandosi in particolare della figura di Giuseppe Garibaldi".

“Il miglior ricordo di ciascun uomo - conclude Ciccone - sono le sue opere e quelle rimarranno il suo imperituro lascito".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento