menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Modifiche per la gestione rifiuti a Chieti, l'assessore Bevilacqua invita a "rispettare le nuove regole"

Nella sede della delegazione comunale di Chieti Scalo il Comune e il consorzio Formula Ambiente hanno incontrato associazioni di categoria e gli amministratori di condominio

Un incontro per discutere del rinnovato servizio di igiene urbana, partito a tutti gli effetti lo scorso 1 luglio, che ha introdotto nuove regole per la gestione dei rifiuti: modifiche inserite nel nuovo appalto di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani. Si è svolto ieri nella sede della delegazione comunale di Chieti Scalo, in piazza Carafa, l’incontro che ha visto il Comune e il consorzio Formula Ambiente parlare con le associazioni di categoria e agli amministratori di condominio delle nuove modalità di svolgimento del servizio di igiene urbana a Chieti. La raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti è partita nelle zone dello Scalo di Santa Filomena e di Madonna delle Piane e, ben presto, sono arrivate le prime lamentele: in particolare dei residenti che "per buttare i rifiuti devono percorrere anche 500 metri". Un problema per anziani e disabili.

Il servizio di nettezza urbana, infatti, si ferma sulle strade pubbliche e, come stabilito dal Comune, chi abita nei palazzi delle strade private deve trasportare i bidoni sulla strada principale per poi riportarli sul suolo privato. Una situazione che ha visto diversi episodi di abbandono rifiuti nelle strade cittadine. "Per le criticità che si stanno verificando – spiega l’assessore alla Gestione del Servizio di Igiene Urbana, Alessandro Bevilacqua - ai sensi del regolamento non è possibile accedere nelle aree private. L'utente, secondo il calendario di raccolta, deve esporre il contenitore su strada pubblica e dopo svuotato riportarlo su area privata ma – aggiunge - coloro che hanno difficoltà nell'esposizione dei contenitori, previo sopralluogo, possono richiedere l'istituzione di un’isola in concessione, facendone richiesta via mail all'indirizzo chieti@formulambiente.it".

Sulla situazione di criticità che si è venuta a creare l’assessore dice: "è frutto delle cattive abitudini degli ultimi anni: se un cittadino sporca, abbandona rifiuti, telefona, richiede maggiori passaggi per la raccolta, per la pulizia delle strade, la ditta è costretta a compiere interventi ulteriori ma poi presenta il 'conto'. Questo aumenta i costi degli utenti". La città di Chieti paga in media una cifra inferiore rispetto alle altre città d'Italia in termini di Tarsu prima e di Tari ora. Non si nota in questo momento perché sono inseriti maggiori oneri non previsti nel conteggio iniziale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento