Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Madonna del Freddo

Modifica orari cimitero, Feniof: "Ma quale razionalizzazione: diritto negato ai parenti dei defunti"

La Federazione Nazionale Imprese Onoranze Funebri Abruzzo prende le distanze dalla decisione del Comune di Chieti di chiudere il cimitero la domenica pomeriggio

Dopo la decisione del Comune di Chieti di modificare gli orari di apertura del cimitero di Sant’Anna, - che dall’8 agosto è chiuso durante la pausa pranzo, la domenica pomeriggio e i festivi - la Federazione Nazionale Imprese Onoranze Funebri Abruzzo protesta.

“La chiusura domenicale pomeridiana – dichiara il presidente Feniof Fabrizio Campobassi – è l’ennesimo esempio di come una presunta ‘razionalizzazione del servizio di custodia’ si traduca in un diritto negato ai parenti dei defunti di recarsi in visita ai propri cari nella giornata che risulta essere più indicata”.

Il Comune e l’assessore Di Felice hanno specificato che dal 15 ottobre al 4 novembre il cimitero sarà aperto anche la domenica pomeriggio ma ci si chiede che succederà negli altri giorni festivi come Natale, Santo Stefano, Capodanno, Pasqua? “Come categoria riteniamo la scelta di imporre questi nuovi orari ai cittadini un errore” riprende il presidente della Feniof, che ha sede in via Salomone.

“Non si possono mettere in secondo piano le esigenze dei dolenti adducendo motivazioni come la mancanza di denaro o problematiche di organico. L’apertura domenicale del cimitero è un diritto per i parenti dei defunti così come lo è per gli operatori funebri il poter contare su un impiegato reperibile per sbrigare le pratiche funerarie alla domenica. Noi – conclude Campobassi – siamo operativi 24 ore su 24 per le famiglie che subiscono un evento luttuoso. Come categoria prendiamo le distanze dalla decisione del Comune”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Modifica orari cimitero, Feniof: "Ma quale razionalizzazione: diritto negato ai parenti dei defunti"

ChietiToday è in caricamento