Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca

Tradizioni: il miracolo del giglio di Sant'Antonio a Giuliano Teatino

Nel giorno dedicato al santo, il 13 giugno, viene posizionato un giglio fresco nelle mani della statua. Con il passare dei mesi il fiore si secca, ma due mesi più tardi, il 19 agosto appunto, due o tre boccioli compaiono sullo stelo rinsecchito

Forse non tutti sanno che ogni anno, il 19 agosto, a Giuliano Teatino si celebra il “miracolo” della fioritura del giglio di Sant’Antonio di Padova, che richiama in paese migliaia di devoti. 

Nel giorno dedicato al santo, il 13 giugno, viene posizionato un giglio fresco nelle mani della statua. Con il passare dei mesi il fiore si secca, ma due mesi più tardi, il 19 agosto appunto, due o tre boccioli compaiono sullo stelo rinsecchito. La tradizione vuole che una famiglia del posto, avendo ricevuto la grazia, si dedichi ad allestire il Carro di Sant’Antonio, fatto dai tradizionali taralli benedetti, realizzati secondo una ricetta segreta, da confettini e carta colorata. Dopo la processione, i taralli vengono poi venduti e il ricavato donato alla parrocchia SS. Maria Assunta, che ospita la statua di Sant’Antonio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tradizioni: il miracolo del giglio di Sant'Antonio a Giuliano Teatino

ChietiToday è in caricamento