Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Lanciano

Minacce e botte alla moglie fino a procurarle un trauma cranico: 52enne in carcere

Per anni l'aveva picchiata arrivando perfino a procurarle un trauma cranico e facciale, come documentato dai referti medici. L'uomo è stato arrestato ad è finito in carcere a Lanciano

Quattro anni di maltrattamenti, vessazioni fisiche e psicologiche e minacce di morte. Alla fine, esausta da una situazione familiare insostenibile, la vittima ha trovato il coraggio di denunciare un marito violento.

Ieri i carabinieri di Lanciano lo hanno arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Massimo Canosa, su richiesta del pm Rosaria Vecchi.

Lui è un 52enne di Castel Frentano: per anni, ha raccontato la moglie, l’aveva picchiata arrivando perfino a procurarle un trauma cranico e facciale, come confermato dai numerosi referti medici prodotti dalla donna. Sulla base degli elementi raccolti dai carabinieri, la Procura di Lanciano ha ritenuto opportuno emettere il provvedimento di custodia cautelare in carcer.

L’arrestato, secondo quanto riferito dai carabinieri, aveva agito per la massima parte degli episodi presumibilmente sotto l’effetto di alcolici evidenziando una pericolosità costante per la moglie tale da non poter essere fronteggiata con il semplice allontanamento dalla casa familiare. L’uomo, che dovrà ora rispondere del reato di maltrattamenti in famiglia, è recluso presso la casa circondariale di Lanciano.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce e botte alla moglie fino a procurarle un trauma cranico: 52enne in carcere

ChietiToday è in caricamento