Dolore a Miglianico, impiegato del Comune si spara un colpo di fucile al cimitero

Tragedia venerdì nei pressi dell'obitorio del cimitero dove un uomo di 67 anni di nome Giancarlo Cavuti è morto. In segno di lutto è stata interrotta la campagna elettorale

Dolore e sgomento a Miglianico dove un uomo di 67 anni venerdì sera si è sparato un colpo di fucile ed è morto nell'obitorio del cimitero comunale. Giancarlo Cavuti, sposato e padre di una ragazzina di 13 anni, ha deciso di farla finita in circostanze tragiche e per motivi ignoti alla comunità miglianichese che in segno di lutto ha sospeso la campagna elettorale in corso.

L'uomo era impiegato del Comune tramite una borsa lavoro e si occupava proprio dei servizi cimiteriali. 

Sul posto dopo il decesso sono intervenuti il 118, i carabinieri e il medico legale. Il corpo è stato trasportato all'obitorio dell'ospedale Chieti dove nelle prossime ore è prevista l'autopsia.

Venerdì sera, in segno di lutto, il sindaco di Miglianico Fabio Adezio ha comunicato l'interruzione temporanea degli appuntamenti per la campagna elettorale e anche inaugurqazione di un parco giochi, prevista per ieri mattina, è stata rinviata a data da destinarsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore investita dall'auto con la figlia minorenne a bordo: la vittima era di Chieti

  • Morto investito lungo la fondovalle Alento: la vittima è Aldo D'Angelosante

  • Morto l'uomo caduto all’interno della scala mobile di Chieti

  • C'è crisi ma non si trovano i lavoratori da assumere: a Chieti e provincia mancano venditori, camerieri e camionisti

  • In auto con due chili di cocaina pura: arrestato dopo inseguimento da Chieti Scalo a Vasto

  • Coronavirus, quattro studenti sotto osservazione in Abruzzo

Torna su
ChietiToday è in caricamento