menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
via del Fiuje (foto Geav Chieti)

via del Fiuje (foto Geav Chieti)

"Mettete in sicurezza il cavalcavia sull'Asse attrezzato", Di Primio diffida il Consorzio

Il Comune di Chieti diffida il Consorzio Industriale Asi Valpescara a mettere in sicurezza il cavalcavia di via del Fiume: "Se non dovesse farlo chiederemo all’Anas di chiudere l’Asse”

Il Comune di Chieti diffida il Consorzio per lo Sviluppo Industriale Asi Valpescara a mettere in sicurezza il cavalcavia di via del Fiume, in zona Selvaiezzi. Lo ha annunciato il sindaco Di Primio dopo la riunione convocata questa mattina presso la Prefettura per esaminare la situazione del manufatto.

Il cavalcavia sull’asse attrezzato si trova al confine con il territorio di Sambuceto. 

“Il Consorzio è l’ente proprietario del manufatto – sottolinea Di Primio - e, in quanto tale, deve provvedere alla sua manutenzione per garantire che l’infrastruttura non arrechi danni né alla famiglia che deve attraversarlo per recarsi nella propria abitazione, né alle migliaia di persone che, quotidianamente, usufruiscono dell’asse attrezzato”. Attualmente il cavalcavia è chiuso al traffico in seguito ordinanze emesse dal sindaco Di Primio, ma viene comunque utilizzato per necessità sanitarie da un unico nucleo familiare che risiede al di là del ponte .

62 ponti provinciali sorvegliati speciali

“E’ necessario che il Consorzio intervenga celermente. Non è più tollerabile che il commissario D’Angelo, chiamato a gestire l’ente, si trinceri dietro il fatto che il Consorzio sia in liquidazione. Se non ha fondi, interpelli la Regione e chieda al presidente i finanziamenti necessari ma è arrivato il momento di dare soluzione ad un problema ormai vecchio di anni. Per tale motivo, ho lasciato la riunione che il Prefetto ha voluto così tempestivamente convocare per predisporre la diffida al Consorzio affinché, in tempi brevissimi, si adoperi per mettere in sicurezza il cavalcavia. Se non dovesse farlo – annuncia Di Primio - si paventa una decisione drastica e molto pesante per il nostro territorio: la richiesta all’Anas di chiudere l’asse attrezzato”.    
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento