Cronaca

Visite private in ospedale, i Nas sospendono il direttore di una clinica

In circa un mese avrebbe sottratto alle casse della Asl teatina circa 8mila euro. Indagini scaturite a seguito della denuncia sporta da un medico

Eseguiva visite private in ospedale durante l’orario di lavoro emettendo fatture con importi inferiori a quanto effettivamente percepito. Per questo motivo il direttore di una clinica dell’ospedale di Chieti è stato sospeso per sei mesi dallo svolgimento della professione.

I carabinieri del NAS di Pescara questa mattina hanno eseguito l’ordinanza di sospensione emessa dal GIP del Tribunale di Chieti.  Il provvedimento è scaturito da una complessa attività di indagine dopo la denuncia presentata da un altro medico.

Tramite interrogatori di pazienti, acquisizione di documentazione presso gli uffici Asl e intercettazioni telefoniche e ambientali è emerso che il medico durante l’orario di servizio e utilizzando attrezzature ospedaliere, eseguiva visite mediche incassando interamente le somme di denaro versate dai pazienti, senza corrispondere la parte spettante all’Asl né rilasciare la relativa documentazione fiscale.

Da una prima quantificazione, le somme sottratte alle casse dell’Asl teatina e riferite a poco più di un mese, nel periodo compreso tra dicembre 2011 e il 14 gennaio 2012, ammontano a circa 8mila euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Visite private in ospedale, i Nas sospendono il direttore di una clinica

ChietiToday è in caricamento