Cronaca Guardiagrele

Lo chef Mauro Colagreco convoca tutti i suoi omonimi a Guardiagrele, che lo fa cittadino onorario

Mattinata particolare per la cittadina abruzzese con la registrazione di una puntata del programma culinario Top Chef, che andrà in onda in autunno

La città di Guardiagrele questa mattina si è trasformata in un set televisivo per la registrazione di una puntata del programma culinario “Top Chef”. Uno dei giudici della trasmissione, infatti, è il premiatissimo chef argentino Mauro Colagreco, al quarto posto della classifica mondiale con il suo Mirazur. Il cognome tradisce le sue origini guardiesi, tanto che è stato accolto in città con tutti gli onori e gli i è stata conferita la cittadinanza onoraria dal sindaco Simone Dal Pozzo.

A Mauro Colagreco, giunto in paese assieme agli altri due giudici-chef Annie Feolde e Giuliano Baldessari, il consiglio comunale ha conferito la cittadinanza onoraria per gli alti riconoscimenti ottenuti e, in particolare, per il legame che ha sempre voluto conservare con la "sua" Guardiagrele. Tanto che, proprio qui, stamani, ha voluto incontrare tutti i Colagreco del circondario, che sono arrivati a decine da tutto l'Abruzzo, pronti a stringersi intorno al parente lontano.

La trasmissione registrata questa mattina andrà in onda in autunno, ma Mauro ha già promesso, al sindaco e ai suoi omonimi, una nuova visita in estate. "Sono nato in Argentina, vivo in Francia, ma mi sento italiano e di Guardiagrele", ha detto Mauro visibilmente emozionato durante la consegna della cittadinanza onoraria. 

Per Simone Dal Pozzo,sindaco di Guardiagrele “Mauro è motivo di orgoglio per chi, come i tanti emigrati di inizio Novecento, ha costruito il suo futuro partendo da poco o dal nulla e per i tanti operatori della ristorazione e della gastronomia, a cominciare da quelli della nostra Guardiagrele, che fanno della nostra terra un polo di attrazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo chef Mauro Colagreco convoca tutti i suoi omonimi a Guardiagrele, che lo fa cittadino onorario

ChietiToday è in caricamento