menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mattarella a palazzo Tilli, Allegrino: “Un onore e un privilegio riceverlo nei luoghi della memoria"

Conto alla rovescia per l'arrivo del presidente della Repubblica che visiterà le cantine e l'esterno della dependance che furono i campi di internamento 2 e 3 di Casoli

"E’ un onore e un privilegio ricevere il presidente della Repubblica a Palazzo Tilli, dove visiterà le cantine e l'esterno della dependance, che furono i campi di internamento 2 e 3 di Casoli, dal 1940 al 1943. Sono 'luoghi della memoria', che ho voluto restituire alla cittadinanza attraverso un lunga e meticolosa opera di restauro fatta con un grande rispetto per quello che l’edificio storico ha rappresentato per il paese, per l'Abruzzo e per l’Italia”.

Lo dichiara con soddisfazione Antonella Allegrino, l’imprenditrice pescarese che domani riceverà il Capo dello Stato nel palazzo settecentesco, dopo la visita a Taranta Peligna organizzata per rendere omaggio alla Brigata Maiella. "Accogliere il Presidente a Palazzo Tilli per ricordare la storia, le sofferenze e il sacrificio di chi ha combattuto in nome della libertà e della democrazia, sarà una grandissima emozione, ma anche un riconoscimento al lavoro di chi opera per preservare la memoria del nostro Paese. Luoghi, racconti e testimonianze che costituiscono un patrimonio da custodire e consegnare alle giovani generazioni per far comprendere il valore della nostra Carta costituzionale come disse, nel 1955, Pietro Calamandrei in uno dei suoi discorsi agli studenti universitari: 'Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero perché lì è nata la nostra Costituzione”.

A Palazzo Tilli mattarella visiterà le cantine e l'esterno della dependance di via Del Fiore, che Antonella Allegrino ha ribattezzato, nell’aprile dello scorso anno, “Palazzina della memoria” con la scopertura di una targa in ricordo degli internati confinati nella cittadina prima di essere uccisi dai nazisti nei campi di sterminio. Il Capo dell Stato, visionerà poi, sempre in forma privata, le tracce lasciate dai soldati alleati all’interno dell'edificio e un dipinto realizzato da un prigioniero. Infine, incontrerà la famiglia dell’imprenditrice e alcuni stretti collaboratori del Palazzo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento