rotate-mobile
Cronaca Atessa

Massimo Di Florio morto nello stabilimento Stellantis di Atessa: il cordoglio del sindacato

"Non è il momento delle polemiche, ma è solo il momento del dolore" commenta l'Unione sindacale di base ritenendo però, una volta accertate le cause della morte, sia il caso di approfondire le modalità di ricorso al turno notturno "che nello stabilimento da sempre viene svolto a regime volontario"

Si chiamava Massimo Di Florio il lavoratore di Lanciano deceduto la notte scorsa all’inizio del turno notturno, all’interno dell’officina montaggio dello stabilimento Stellantis di Atessa. L'uomo, carrellista di 56 anni, avrebbe avuto un infarto fulminante e, nonostante i tempestivi soccorsi, non ce l'ha fatta.

A esprimere profondo cordoglio e la propria vicinanza alla famiglia, agli amici e ai colleghi di Di Florio è il sindacato Usb Abruzzo e Molise.

"La notizia - si legge in una nota - è stata sconvolgente e il sindacato intende esprimere tutto il proprio cordoglio. Non è il momento delle polemiche, ma è solo il momento del dolore, tuttavia accertate le cause della morte, crediamo sia il caso di approfondire le modalità di ricorso al turno notturno che nello stabilimento da sempre viene svolto a regime volontario, cosa che implica il fatto che tantissimi lavoratori lo effettuano da anni o addirittura decenni. Abbiamo sempre sollevato la questione, anche all’interno della rivendicazione su ritmi e carichi di lavoro che stiamo portando avanti da tempo e che poche settimane fa ci ha visti promotori di un sit in davanti allo Spsal di Chieti insieme allo Slai Cobas, cercando di informare anche i lavoratori sui rischi a cui si può andare incontro svolgendo il lavoro notturno per lunghi periodi. Ci sono diverse ricerche scientifiche, tra queste la più importante quella fatta dall’Iarc di Lione, che hanno accertato l’aumento notevole di rischio su tantissime patologie tra cui quelle cardiovascolari e neoplasie. Se vogliamo rendere onore a Massimo è dovere di tutti adoperarsi per ridurre le possibilità che accadano tragedie simili".

Leggi le notizie di ChietiToday su Whatsapp 

A seguito dell'accaduto la scorsa notte il restante turno lavoro è stato annullato in comune accordo tra l'azienda e la Rsa di Fim, Uilm e Fismic nei reparti Montaggi e Logistica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massimo Di Florio morto nello stabilimento Stellantis di Atessa: il cordoglio del sindacato

ChietiToday è in caricamento