Cronaca Chieti Scalo

Massaggi "a luci rosse": chiusi cinque centri a Chieti Scalo, Francavilla e Sambuceto

L’indagine ha portato alla luce un’ampia platea di clienti pronti a pagare un extra per ricevere particolari attenzioni dalle “massaggiatrici”. Sette le persone denunciate dalla Squadra Mobile

Gli annunci pubblicitari on-line promettevano pomeriggi indimenticabili con le foto di ragazze in pose “provocanti” con proposta di massaggi rilassanti e tonificanti che in realtà nascondevano vere e proprie attività sessuali.

Una holding cinese del sesso, quella scoperta dai poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Chieti che hanno denunciato sette persone che operavano in cinque centri centri massaggi a luci rosse situati a Chieti Scalo, Francavilla e Sambuceto. Qui avvenenti donne asiatiche offrivano anche prestazioni sessuali. 

L’indagine ha portato alla luce un’ampia platea di clienti pronti a pagare un extra per ricevere particolari attenzioni dalle “massaggiatrici” ben oltre le prestazioni elencate nella lista “ufficiale” affissa alle vetrate e offerte in stanze ben arredate e con le luci soffuse.

Sette gli indagati che, in qualità di titolari dei centri massaggi, reclutavano e assumevano alle proprie dipendenze ragazze orientali, favorendone, tollerandone e sfruttandone la prostituzione anche pubblicando sui siti internet le offerte hard.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massaggi "a luci rosse": chiusi cinque centri a Chieti Scalo, Francavilla e Sambuceto

ChietiToday è in caricamento