Cronaca Chieti Scalo

Mariano muore dopo 24 anni di coma

Un calvario iniziato nel 1997, quando un incidente gli cambiò la vita. Il padre, infermiere, qualche anno fa lanciò un appello dalla nostre pagine. I funerali nella chiesa di San Pio X

Mariano Supino  è morto ieri a 52 anni, di cui 24 trascorsi in stato vegetativo. Un incidente stradale, nel 1997 a Osimo, cambiò per sempre la vita del giovane ingegnere, allora 29enne, e quella dei genitori.

In questi lunghi anni la sua famiglia lo ha assistito con amore. Nel '97, dopo 40 giorni in Rianimazione, Mariano venne riportato nella sua casa di Chieti, dove ad accudirlo c’erano papà Pietro, oggi infermiere in pensione, e mamma Nicolina.

Fu proprio il signor Pietro Supino, nel 2015, a scrivere un’accorata lettera nella quale denunciava l’assenza di aiuti da parte delle istituzioni alle famiglie di persone in coma irreversibile. "I genitori sono gli unici che si preoccupano, soffrono, decidono quotidianamente, affrontando momenti e difficoltà di ogni genere, psicologiche, fisiche, economiche" diceva invitando a lasciare alle famiglie il diritto di scegliere sull'eutanasia e ad ascoltare le ragioni di chi vive certe situazioni ogni giorno.

Ieri Mariano Supino se ne è andato per sempre, circondato dall’affetto dei suoi cari attorno ai quali si è stretta a sua volta la comunità teatina. I funerali si terranno oggi, mercoledì 5 maggio, alle ore 16 nella chiesa di San Pio X a Chieti Scalo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mariano muore dopo 24 anni di coma

ChietiToday è in caricamento