Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Vuole mangiare la salsiccia cucinata dal vicino mentre è ai domiciliari: arrestato per evasione

1 anno e 2 mesi di reclusione per Marco Gentile, 63 anni, di Ortona, che già stava scontando 6 anni per reati contro il patrimonio. Sarà il tribunale di sorveglianza a decidere se andrà in carcere

La golosità ha tirato un brutto scherzo a Marco Gentile, 63 anni, di Ortona, sottoposto agli arresti domiciliari, che ora rischia di dover andare in carcere per aver desiderato di mangiare una salsiccia cucinata da un vicino di casa. Oggi, l'uomo è stato condannato dal giudice monocratico del tribunale di Chieti Andrea Di Berardino a 1 anno e 2 mesi di reclusione, sebbene il pm Simonetta Aleo avesse chiesto una pena di 8 mesi. E ora il tribunale di sorveglianza dell'Aquila dovrà decidere il luogo in cui Gentile sconterà il resto della pena. 

I fatti risalgono allo scorso 4 giugno e sono decisamente singolari. L'uomo, agli arresti domiciliari perché condannato a 6 anni per reati contro il patrimonio, esce di casa per pochi minuti. Non si allontana di tanto, ma va da un vicino di casa per prendere una salsiccia appena cotta. 

Ottenuta la cena, si appresta a rientrare in casa, ma viene notato da una pattuglia di carabinieri che, riconoscendolo, lo arrestano con l'accusa di evasione dagli arresti domiciliari. Il resto è la sentenza di oggi. 

A nulla è valsa l'arringa del difensore, l'avvocato Rocco Giancristoraro, che ha spiegato come Gentile, che ha due ore di permesso al giorno, no si sia mai allontanato di casa. E anche quel giorno, non voleva in alcun modo violare le misure cautelari, ma solo gustare una salsiccia appena cotta. 

Una cena di carne e venti metri di distanza dal portone che sono costati carissimi. Il difensore ha già annunciato il ricorso in appello. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vuole mangiare la salsiccia cucinata dal vicino mentre è ai domiciliari: arrestato per evasione

ChietiToday è in caricamento