Cronaca

A Chieti manca un piano di Protezione Civile, consiglieri chiedono le dimissioni di D'Agostino

Assente alle ultime due Commissioni Conisiliari, l'assessore con delega alla protezione Civile è accusato dai colleghi di essere incompetente in materia. Intanto città manca un piano da far scattare in caso di emergenza

La Commissione Consiliare sulla Protezione Civile chiede a gran voce la revoca della delega all’assessore preposto, Ivo D'Agostino.

Assente alle ultime due riunioni, il 2 e l’8 luglio, D’Agostino, secondo quanto affermano consiglieri e commissari, non si è mai interessato alla questione. Per questo ritengono sia arrivato il momento per il sindaco Di Primio di riprendersi la delega.

In città manca un piano di Protezione Civile da far scattare in caso di emergenza: terremoto, frane, o altre calamità naturali, nonostante le associazioni preposte non manchino.

Secondo le accuse l’assessore incaricato D’Agostino non ha mai prodotto un documento o un piano in merito. “Molti studenti, ad esempio, che arrivano da tutte le parti d'Italia e non sanno che fare e dove dirigersi in tali casi, perché non conoscono il territorio – spiega il presidente della Seconda Commissione Gianni Di Labio -  è chiaro che l'informazione è molto importante per affrontare eventi del genere, ma non solo, bisogna mettere in pratica anche una cartellonistica che indichi in modo preciso dove sono le aree di ammassamento”.

Più netto Giardinelli per il quale “l’assessore D'Agostino sarebbe un ostacolo in quanto non competente”.

Adesso il sindaco deciderà se dare un'ultima possibilità a D'Agostino, conferire la delega a un altro o gestirla in prima persona.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Chieti manca un piano di Protezione Civile, consiglieri chiedono le dimissioni di D'Agostino

ChietiToday è in caricamento