Maltratta e perseguita la sorella: 38enne arrestato a Sant'Eusanio del Sangro

Da circa tre mesi perseguitava la sorella aggredendola sia verbalmente che fisicamente, anche sul posto di lavoro. L'uomo era stato denunciato già a novembre. Adesso è in carcere

Un romeno di 38 anni abitante a Sant’Eusanio del Sangro è stato arrestato dai carabinieri di Castel Frentano con le accuse di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori.

Come accertato dai carabinieri, da circa tre mesi perseguitava la sorella aggredendola sia verbalmente che fisicamente, anche sul posto di lavoro e in presenza di altre persone.

Il provvedimento restrittivo è stato emesso dal gip di Lanciano al termine delle indagini. Gli uomini dell’Arma già a fine novembre, avevano denunciato l’uomo per gli stessi reati.

Il romeno, che inizialmente conviveva con la sorella, era particolarmente violento pare in conseguenza del suo eccessivo uso di alcolici. La donna, stanca di subire i continui maltrattamenti da parte del fratello, si era trasferita in un’altra abitazione dove viveva con il compagno e aveva deciso di sporgere denuncia ai carabinieri. Ma il comportamento aggressivo dell’uomo non era migliorato negli ultimi tempi.

L’uomo è stato associato alla casa circondariale di Lanciano a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere richiesta dalla locale Procura della Repubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, famiglie in isolamento a Pescara dopo contatti con contagiati

  • Dai tavoli de "La Pecora Nera" al cinema per adulti: il primo film di Marilena Di Stilio

  • Coronavirus, riunione operativa in Regione: obbligo di isolamento per chi ha avuto contatti con le zone rosse

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

  • Anffas Chieti in lutto: è morta la presidente Gabriella Casalvieri

  • Coronavirus, l'ordinanza della Regione Abruzzo: chi torna da zone a rischio deve comunicarlo al medico

Torna su
ChietiToday è in caricamento