menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltratta la moglie con cui è sposato da 30 anni e minaccia di ucciderla e fare del male alla figlia

La polizia di Chieti ha eseguito un’ordinanza che dispone il divieto di avvicinamento. La donna sarebbe stata costretta ad andare via di casa con la figlia

Un altro intervento della squadra mobile della questura di Chieti nell’ambito delle attività di contrasto alle violenze di genere: gli agenti stavolta hanno eseguito un’ordinanza che dispone il divieto di avvicinamento, emesso dal gip, a carico di un teatino di 58 anni, indagato per maltrattamenti nei confronti della moglie nonché del reato di danneggiamento aggravato.

Le indagini sono partite dalla denuncia della moglie, con cui l’indagato è sposato da circa 30 anni, la quale per lungo tempo ha raccontato di aver sopportato continue vessazioni e umiliazioni da parte dell’uomo che l’avevano portata, alla fine dello scorso anno, a voler chiedere la separazione. Una decisione che, secondo quanto denunciato, aveva scatenato nell’uomo una violenta reazione: questi dapprima avrebbe imposto alla moglie e alla figlia di andare via di casa poi, utilizzando la propria autovettura come ariete, avrebbe volontariamente danneggiato l’auto della moglie, colpendola più volte fino a distruggerla. Solo l’intervento di una pattuglia delle volanti della questura, che è riuscita a bloccare l’ira dell’uomo, ha evitato ulteriori e più gravi conseguenze.

Le indagini della seconda sezione della squadra mobile di Chieti hanno permesso di ricostruire tutti gli episodi narrati dalla vittima, compresi quelli riguardanti le violenze fisiche, i maltrattamenti continui e le vessazioni anche al cospetto di altre persone e familiari.

L’uomo negli ultimi mesi avrebbe anche più volte minacciato di morte la moglie, preannunciando di essere in procinto di compiere gesti eclatanti anche nei confronti della figlia ventiseienne pur di arrecarle dolore.

Oltre al divieto di avvicinamento al luogo in cui la donna attualmente vive, con obbligo di mantenersi da essi ad una distanza di almeno 300 metri, il giudice ha disposto il  divieto di avvicinamento anche ai luoghi di lavoro della stessa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: oggi 196 nuovi positivi e 441 guariti in Abruzzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento