rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Maltempo: canili allagati, si cercano stalli e donazioni per gli ospiti

Il canile di Chieti è ancora pieno di fango: si possono ospitare i cani finché la struttura sarà rimessa a posto, donare soldi o cibo. Quasi tutti salvi gli ospiti del canile di Francavilla: fino all'8 dicembre donazioni aperte in 3 negozi teatini

Finita l’emergenza, comincia la conta dei danni anche nei canili, vessati nei giorni scorsi da crolli e inondazioni che hanno messo a repentaglio la vita degli ospiti a quattro zampe e dei volontari.

Il canile rifugio Achille Buonincontro, in contrada Vallepara a Chieti, è ancora invaso dal fango che è arrivato fin dentro il cancello con l’esondazione del fiume Alento. Tutto il materiale che serviva ad accudire i cani, come cucce, coperte, trasportini, è finito sotto il fango. Per questo i volontari invocano aiuto di qualunque genere.

Priorità assoluta è per i cani più anziani o per i cuccioli: si cerca uno stallo almeno finché la struttura non sarà tornata del tutto agibile. Ancora meglio se gli ospiti temporanei volessero adottare definitivamente gli animali scampati all’alluvione.

Chi non potesse dare una mano concreta può anche offrire un contributo di denaro, anche una piccola cifra. L’iban è IT72M0200815503000102689057, come causale si può indicare Emergenza canile Chieti Asada onlus.

C’è un’altra possibilità per aiutare concretamente il canile rifugio di Chieti. Da lunedì 9 dicembre la Theriakà onlus ha organizzato una raccolta di cibo e materiale di vario genere destinata al canile teatino. Si possono donare pasta, precotta e cruda, coperte, medicinali, guanti, sacchi neri, disinfettanti, detersivi, e quant’altro serva per nutrire o tenere in buone condizioni igieniche i rifugi dei cani in tre punti vendita della città: Zoodom, al centro commerciale Centauro; Buongrazio, in viale Benedetto Croce 470 (zona Madonna delle Piane); Wash dog, via Salomone 85, Chieti. Le coperte possono essere portate solo in quest’ultimo punto vendita per motivi di spazio.

Ma il canile di Chieti non è l’unico ad aver subito danni durante l’alluvione. È andata molto peggio alla struttura di Francavilla, completamente travolta da una frana. Tutti i cani, ad eccezione di uno, sono stati messi in salvo e divisi fra i canili di Ortona e Lanciano e gli stalli messi a disposizione da privati. Chi volesse donare per gli ospiti del canile di Francavilla può andare negli stessi punti vendita già indicati, ma solo fino a domenica 8 dicembre. Dopodiché il materiale verrà distribuito fra tutti gli ospiti del canile di Francavilla. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo: canili allagati, si cercano stalli e donazioni per gli ospiti

ChietiToday è in caricamento