menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Majella brucia, Legambiente: "Servono subito altri Canadair"

Muroni: "La riforma Forestale sugli incendi non sta funzionando". In aeroporto Canadair della Protezione Civile e Canadair francesi per far fronte agli incendi

"Governo e Protezione Civile devono garantire urgentemente l’invio di altri Canadair, magari chiedendo la collaborazione di altri paesi europei, per salvare la Majella in fiamme da dieci giorni”. Così Legambiente sugli incendi che dal 19 agosto stanno devastando il Monte Morrone nel Parco nazionale della Majella.

“Verrà il tempo per chiarire - prosegue  la presidente di Legambiente Rossella Muroni - se i Carabinieri Forestali debbano svolgere attività di spegnimento boschivo sotto il coordinamento dei Vigili del Fuoco, come noi pensiamo, o se debbano solo svolgere le indagini per perseguire i criminali che appiccano i roghi, nell’immediato, però, per salvare la Majella serve uno sforzo in tutte le direzioni, a cominciare dall’invio di altri mezzi aerei”.

Nella giornata di ieri dall'Abruzzo sono state sei le richieste di intervento aereo ricevute dal Centro Operativo Aereo Unificato.

Dall'aeroporto quattro Canadair

Il presidente della Regione Luciano D'Alfonso ha fatto sapere che l’aeroporto d’Abruzzo da oggi supporta quattro Canadair, impegnati insieme all’elicottero Erikson nel tentativo di spegnere i roghi che stanno devastando il monte Morrone. "L’entità e la vastità delle aree boschive interessate dagli incendi che da oltre sette giorni non riescono ad essere domati dall’intervento congiunto dei due Canadair e dell’elicottero Erikson ha reso necessario l’ausilio di ulteriori mezzi aerei che sono stati inviati dal governo francese - ha spiegato -  Le operazioni per sostenere l’impegno dei mezzi aerei che stanno cercando di spegnere gli incendi nei boschi e nei centri colpiti dalle fiamme proseguono incessantemente da giorni con i Canadair che volano continuamente sulle zone interessate dai roghi, fermandosi solo per i tempi tecnici necessari a rifornire carburante presso l’aeroporto d’Abruzzo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento