menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Salvo si stringe intorno alla famiglia di Benedetto, la vittima dell'incidente sulla piattaforma Eni

Il 63enne era originario di Montenero di Bisaccia, ma viveva da anni in Abruzzo. Lascia moglie e figli

La città di San Salvo si è stretta intorno ai familari di Egidio Benedetto, l'uomo di San Salvo rimasto vittima di un incidente sul lavoro questa mattina, sulla piattaforma dell'Eni Barbara F, al largo di Senigallia (Ancona)

Il sindaco di Tiziana Magnacca, a nome dei suoi concittadini, si è detta 

vicina nel dolore alla moglie Carmelina e ai figli, per aver subito una perdita così violenta, ed esprimo tutto il cordoglio della comunità sansalvese. Una nuova morte bianca che appare ancora più insopportabile da accettare soprattutto per la dinamica dell’incidente.

Provo ancora più rabbia per l’età dell’operaio deceduto, che a 63 anni svolgeva ancora lavori così particolari sulla piattaforma, con lunghi periodi di assenza da casa. Egidio, pur non essendo nato a San Salvo, si era ben radicato nella comunità e godeva la stima di quanti lo hanno conosciuto. Non possiamo nel 2019 dover fare ancora la conta dei morti sui luoghi di lavoro: è una cosa inaccettabile. 

Anche l'Eni, in una nota, ha espresso 

il proprio profondo cordoglio alla famiglia del collega. 

Intanto la procura di Ancona ha aperto un'inchiesta per fare luce sulle cause dell'incidente che ha coinvolto Benedetto, da tempo residente in Abruzzo, ma originario di Montenero di Bisaccia (Campobasso).
   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento