Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Centro Storico

La movida si spegne per una sera, a rischio anche l'apertura durante la Settimana Mozartiana

Alla serrata hanno aderito 12 locali del centro storico, i gestori hanno disertato la riunione in Comune

Locali chiusi ieri sera in segno di protesta contro l'assenza dei collegamenti notturni fra il colle e lo scalo e la scarsa considerazione dell'amministrazione comunale nei confronti di chi investe sulla città.

Una serata di stop a cui hanno aderito 12 locali del centro storico: La Cueva, Terra Maja, St. James, Chartago, La Tintoria, Centrale Trivigliana, L'Arco, Malto&Co, Sprecacè, Liberarte, Mercato Centrale e Campare. Ora i gestori sono intenzionati ad andare avanti e stanno pensando di replicare la serrata durante la Settimana Mozartiana, in programma dall'11 al 16 luglio. "Ad oggi la nostra partecipazione è a forte rischio - comunicano - e non si esclude una nuova chiusura delle nostre attività proprio in quei giorni".

Ieri gli stessi hanno disertato la riunione in Comune avente a tema proprio la Settimana Mozartiana: "una decisione dovuta primariamente alla mancanza dei presupposti basilari per un confronto serio e proficuo - spiegano - e a una convocazione arrivata meno di 24 ore fa, successivamente alla nostra protesta, mentre il suddetto incontro era previsto già da diverse settimane. La frettolosa quanto inadeguata risposta dell'amministrazione alla nostra serrata ci lascia amareggiati".

Subito dopo l'annuncio della chiusura di ieri, il Comune aveva fatto sapere di stare predisponendo con la società La Panoramica nuove corse notturne per i fine settimana estivi. I locali però lo hanno definito un contentino: "Confidiamo, ancora una volta, in un tavolo di confronto specifico sulla questione e con una reale volontà risolutiva".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La movida si spegne per una sera, a rischio anche l'apertura durante la Settimana Mozartiana

ChietiToday è in caricamento