Gessopalena: Legambiente dice sì alla centrale idroelettrica

Purchè avvenga nel rispetto delle norme e delle procedure, questa la posizione dell'associazione sul progetto di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile avanzato dal Comune che, arrivato al termine del lungo percorso autorizzatorio, sta trovando avversione da parte di altri Comuni e forze politiche

centrale idroelettrica

"No a discussioni ideologiche sulle rinnovabili. Sì alla centrale sul fiume Aventino nel rispetto delle norme e delle procedure". È netta la posizione di Legambiente Abruzzo sul progetto di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile avanzato dal Comune di Gessopalena che, arrivato al termine del suo lungo e complesso percorso autorizzatorio, sta trovando avversione da parte del Comune di Civitella Messer Raimondo e da alcune associazioni e forze politiche.

"Considerare le fonti rinnovabili devastanti sull’ambiente, dopo che gli abruzzesi da oltre cinque anni contrastano la deriva petrolifera, dopo che gli italiani hanno scelto il futuro energetico nazionale con la bellissima vittoria al referendum sul nucleare – dichiara Angelo Di Matteo, presidente regionale di Legambiente – è un limite per la politica e per l’ambientalismo, che rischiano di chiudersi dentro una difesa localistica contraria a ogni trasformazione, che giudicano ogni cambiamento un’aggressione, senza distinzione di sorta".

Riguardo le perplessità manifestate dal sindaco del Comune di Civitella Messer Raimondo, che ha diffidato la Regione Abruzzo a riformulare i pareri “in senso negativo”, la Soprintendenza a dichiarare non più valido il parere paesaggistico e il Comune di Gessopalena a sospendere il procedimento di aggiudicazione dell’opera, Angelo di Matteo aggiunge che "viene sollevata una serie di questioni che non trovano fondamento nella normativa, dimostrando con ciò anche poca dimestichezza con le procedure".

Per Legambiente infatti, l’unica autorizzazione da reiterare è quella paesaggistica, che il Comune di Gessopalena o l’aggiudicatario dell’opera può comunque rinnovare in fase di autorizzazione unica. Resta valido il parere di Valutazione di Impatto Ambientale. Non è richiesta la valutazione di Incidenza Ambientale.

"Legambiente dice sì all’impianto nel doveroso rispetto delle norme e delle procedure - conclude Angelo Di Matteo – ed il Comune di Gessopalena nell’ambito del procedimento amministrativo in corso deve, e può, rinnovare l’autorizzazione paesaggistica. L’ambiente non va strumentalizzato per fini politici o peggio ancora contro le rinnovabili. La prospettiva di un modello energetico alternativo va conseguita, evitando una burocraticizzazione del procedimento amministrativo a danno dell’interesse pubblico, qual é anche lo sviluppo delle fonti rinnovabili".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Covid-19, il laboratorio dell'Ud'A di Chieti pronto per eseguire i test: si parte con gli operatori sanitari

  • Se ne è andata la professoressa Lea Curti Pancella

  • Coronavirus: 116 nuovi casi in Abruzzo, 40 in provincia di Chieti

  • Coronavirus: in 406 hanno segnalato il rientro in Abruzzo

  • Coronavirus: dimesso dall'ospedale un paziente trattato con il farmaco sperimentale Tocilizumab

Torna su
ChietiToday è in caricamento