menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sette lavoratori in nero al ristorante, scatta la maxi sanzione

A Francavilla al Mare, nei giorni scorsi, le Fiamme gialle hanno riscontrato la posizione irregolare dei dipendenti e il titolare dovrà pagare somme che variano dai 1.500 ai 9mila euro per ciascuno

Sette lavoratori in nero in servizio in ristorante e di Francavilla al Mare costeranno caro al titolare dopo il controllo dei militari della stazione navale della guardia di finanza di Pescara. Dovrà pagare una maxi sanzione con cifre variabili fra i 1.500 e i 9mila euro per ciascun lavoratore irregolare

Il controllo delle Fiamme gialle - che non hanno reso noto il nome della società né quello del locale - è scattato nei giorni scorsi, durante un’operazione a contrasto del lavoro nero e irregolare. I sette lavoratori erano praticamente inesistenti alla previdenza sociale, perché non erano vincolati da nessun rapporto contrattuale. 

Inoltre, al momento del controllo, i militari intenti a esaminare la documentazione esibita e le dichiarazioni del personale, hanno rilevato il tentativo di eludere la corretta comunicazione preventiva di assunzione, mediante il ricorso alla comunicazioni in caso di “urgenze”. Si tratta di una pratica prevista dalla legge, ma in assenza di giustificato motivo. Dunque per il datore di lavoro è scattata la salatissima sanzione. 

Il controllo svolto è solo l’ultimo, in ordine di tempo, di una mirata attività condotta, lungo le coste abruzzesi, dai militari del Reparto Navale della Guardia di Finanza di Pescara nel corso della stagione estiva per contrastare il fenomeno del “lavoro nero”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento