menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavoravano in nero ma percepivano da mesi il reddito di cittadinanza: maxi operazione delle Fiamme Gialle

Controlli e sanzioni in tutta la provincia: scoperti 139 lavoratori in nero e 79 datori di lavoro che utilizzavano manodopera irregolare

Controlli serrati in tutta la provincia di Chieti da parte del comando provinciale della Guardia di Finanza di Chieti hanno portato alla scoperta di 139 lavoratori in nero e 79 datori di lavoro per utilizzo irregolare di manodopera. Una parrucchiera, barista e un fattore erano assunti in nero e percepivano il reddito di cittadinanza.  

Nello specifico, nei giorni scorsi, la compagnia di Chieti ha eseguito un controllo nei confronti di un salone di parrucchiere e acconciature, nel corso del quale ha scoperto, intenta al lavoro con mansioni di shampista, una dipendente priva di formale assunzione, risultata percettrice di reddito di cittadinanza. Dai successivi riscontri è emerso che la stessa percepiva il beneficio assistenziale già dal mese di aprile. La sua posizione è stata segnalata all’Inps competente ai fini della revoca del beneficio e per il recupero delle somme indebitamente percepite. Al termine del controllo, al datore di lavoro dell’attività commerciale è stata irrogata la sanzione amministrativa per chi assume personale “in nero”, oltre ad una maxi multa prevista in caso di impiego di lavoratori già percettori di reddito di cittadinanza. La lavoratrice è stata segnalata alla Procura della Repubblica per non aver comunicato la variazione del reddito. 

Oltre che il settore dei servizi, anche quello agricolo, della ristorazione e somministrazione è stato oggetto di attività ispettiva: la tenenza di Ortona ha sottoposto a controllo un ristorante che impiegava ben otto lavoratori “in nero” sui dieci presenti al momento dell’accesso, intenti a svolgere attività lavorativa senza godere di alcuna copertura assicurativa e previdenziale. L’intervento della Fiamme Gialle ha indotto l’imprenditore alla tempestiva regolarizzazione dei lavoratori in nero che hanno così potuto beneficiare delle tutele riconosciute dalla normativa di settore. 

La compagnia di Vasto, tra i vari controlli, ha ispezionato un’azienda agricola, scovando 5 lavoratori irregolarmente impiegati, di cui uno percettore di reddito di cittadinanza, prontamente segnalato all’Autorità giudiziaria ed all’Inps. La compagnia di Lanciano, infine, ha invece controllato un bar dove è risultato impiegato un lavoratore inserito in un nucleo familiare anch’egli percettore di reddito di cittadinanza.   

Nel corso dell’anno, nella provincia di Chieti, i reparti del Corpo hanno verbalizzato 79 datori di lavoro per utilizzo improprio di manodopera e scoperto 139 lavoratori in nero o irregolari, di cui 7 censiti nelle liste dei nuclei familiari percettori di reddito di cittadinanza.     
 
“L’intervento delle Fiamme Gialle – spiega il comandante Emiliano Sessa - contrasta tutte le forme di indebito accesso a prestazioni assistenziali in quanto lesive dei principi di equità e coesione sociale. I cittadini onesti e coloro che hanno concretamente bisogno di assistenza devono sentirsi tutelati dall’attenzione investigativa che la Guardia di Finanza sta rivolgendo a quanti violano fraudolentemente le regole, sottraendo le limitate risorse pubbliche”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento