Cronaca

Nove latitanti rientrano in Italia dall'Albania: provvedimenti anche dalla Procura di Chieti

Alle spalle hanno precedenti che vanno dal furto aggravato alla ricettazione, dalla rapina alla violazione della normativa sugli stupefacenti, sino all'associazione a delinquere

Nove latitanti rintracciati in Albania sono stati estradati ieri in Italia dal Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia (Scip) della Direzione Centrale della Polizia Criminale, guidata dal prefetto Vittorio Rizzi. Si tratta di cittadini albanesi di età compresa tra i 27 e i 72 anni: si erano rifugiati in patria nel tentativo di sottrarsi ai provvedimenti di cattura estesi in campo internazionale dalle Procure nazionali.

Tra queste anche la procura di Chieti, assieme a quelle di Bari, Bergamo, Firenze, L'Aquila, Milano, Napoli.

Tutti hanno precedenti che vanno dal furto aggravato alla ricettazione, dalla rapina alla violazione della normativa sugli stupefacenti, sino all'associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. L'operazione è stata portata a termine grazie a una proficua collaborazione tra la polizia della Repubblica d'Albania e il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia Criminale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nove latitanti rientrano in Italia dall'Albania: provvedimenti anche dalla Procura di Chieti

ChietiToday è in caricamento