menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La tradizione lancianese della Squilla, il Natale anticipato al 23 dicembre

Per i più tradizionalisti, la giornata della Squilla è una delle più belle e sentite di tutte le festività. Non solo perché si tratta di un rito unico, celebrato soltanto a Lanciano, ma anche perché si porta dietro una scia di tradizioni e abitudini secolari

Se il 23 dicembre per voi è “solo” l’antivigilia di Natale, allora di sicuro non siete lancianesi. Da quattro secoli, infatti, per ogni lancianese che si rispetti il 23 dicembre è uno dei giorni più importanti dell’anno, quello dedicato alla tradizione della Squilla, fatta di amore, pace e riconciliazione

Ad onor del vero, non tutte le famiglie frentane iniziano a festeggiare il Natale già da due giorni prima, ma per i più tradizionalisti, la giornata della Squilla è una delle più belle e sentite di tutte le festività. Non solo perché si tratta di un rito unico, celebrato soltanto a Lanciano, ma anche perché si porta dietro una scia di tradizioni e abitudini secolari.

I più fedeli alla tradizione, al suono della “squilla”, la campanella posta sulla torre civica, alle 18 del 23 dicembre, si avviano verso la chiesa della Iconicella, quartiere a circa 3 chilometri dal centro storico. È qui il cuore della tradizione, dove si svolge una cerimonia religiosa. Dopodiché, alle 19, si torna a casa, per dare il via alla tradizione familiare. Alle 19, tutte le chiese cittadine iniziano a scampanare e dietro le finestre inizia il rito del baciamano al più anziano della famiglia. Fra auguri e un po’ di commozione, arriva il momento di scambiarsi i regali di Natale, in anticipo di due giorni. A quel punto inizia la cena, a base di carne e, per i più fedeli, di testine d’agnello.  

Le origini della Squilla sono antichissime: dal 1588 il vescovo Paolo Tasso iniziò ad andare in pellegrinaggio, la sera del 23 dicembre, all’Iconicella, secondo alcune versioni a piedi scalzi. Voleva ricordare il peregrinare di Maria e Giuseppe, a Betlemme, in cerca di una sistemazione per la notte. Con il passare del tempo, molti fedeli iniziarono a seguirlo per ascoltare le sue parole.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: in Abruzzo 502 nuovi positivi e 10 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento