Cronaca Lanciano

A Lanciano un'ordinanza comunale obbliga alla pulizia dei propri terreni

Il settore programmazione urbanistica del Comune di Lanciano ha emesso un'ordinanza per la pulizia dei terreni confinanti con strade statali, provinciali e comunali

Un'ordinanza del Comune di Lanciano richiede a tutti i proprietari (o conduttori) di terreni di procedere a propria cura e spese alla pulizia dei terreni confinanti con strade statali, provinciali e comunali.

Inoltre, l'ordinanza dispone il divieto di lasciare 

“in deposito sui terreni materiale di qualsiasi natura, tale da poter divenire rifugio di animali potenzialmente portatori di malattie nei confronti dell'uomo quali ratti, cani o gatti randagi ed altri; di curare la superficie del proprio terreno in modo che non si formi eccessivo accumulo di sterpaglia e che la stessa venga accuratamente e sistematicamente pulita allo scopo di salvaguardare il territorio pubblico e privato da incendi; di tenere regolate le siepi vive in modo da non restringere o danneggiare le strade; di tagliare i rami delle piante che si protendono oltre il ciglio stradale limitando la visibilità”. 

I terreni vanno curati ogni qualvolta se ne presenti la necessità, prosegue l'ordinanza n.244

“ma particolarmente in concomitanza con il sopraggiungere della stagione invernale per le condizioni climatiche locali che specialmente su aree di accesso nelle frazioni e centro cittadino, in presenza di pioggia o neve, riducono la visibilità ed espongono gli utenti a maggior rischio di incidente, con grave pericolo per l’incolumità dei residenti e passanti e per la mobilità in genere”.

L'ordinanza dispone anche che i proprietari di aree agricole non coltivate, aree verdi urbane incolte, villette e gli amministratori di stabili con annesse aree verdi, nonché i responsabili di cantieri edili e stradali, di strutture turistiche, artigianali e commerciali con annesse aree pertinenziali, provvedano

“ad effettuare i relativi interventi di pulizia a propria cura e spese dei terreni invasi da vegetazione, mediante rimozione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica”. Tutti gli interventi citati dall'ordinanza devono essere eseguiti entro 30 giorni dalla data di emissione della stessa, il 19 settembre. 

La violazione dell'ordinanza comporta l'applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di 169 euro ad un massimo di 680 euro, per le fattispecie previste dall’art. 29 del Codice della Strada; da un minimo di 80 euro ad un massimo di 500 euro, per i casi previsti dall’art. 60 del Regolamento comunale sul verde pubblico e privato. Per l'accertamento delle violazioni e il rispetto dell'ordinanza sono state incaricati la Polizia Municipale di Lanciano e i Carabinieri Forestali di Lanciano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Lanciano un'ordinanza comunale obbliga alla pulizia dei propri terreni

ChietiToday è in caricamento