menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Antonio Megalizzi, il giornalista rimasto ucciso a Strasburgo

Antonio Megalizzi, il giornalista rimasto ucciso a Strasburgo

Lanciano in lutto per Megalizzi e le vittime di Strasburgo: bandiere a mezz'asta in Comune

Trentino, 28 anni, il giovane era un cronista e conduttore radiofonico di Europhonica, consorzio universitario, per cui stava seguendo l'assemblea plenaria dell'Europarlamento

Lanciano partecipa al cordoglio nazionale e non solo per la morte di Antonio Megalizzi, il giornalista trentino di 28 anni morto ieri, a seguito delle ferite riportate mercoledì sera nell'attentato terroristico di Strasburgo. Il sindaco Mario Pupillo ha disposto l'esposizione a mezz'asta delle bandiere di Italia e d'Europa nel palazzo comunale di piazza Plebiscito. 

Spiega il primo cittadino: 

Non esistono parole per una tragedia simile. Un ragazzo nel pieno dei suoi vent'anni non può e non deve morire così. Un giornalista appassionato, serio e competente che raccontava l'Europa dal cuore dell'Europa per la radio Europhonica, lavorando ogni giorno per rendere concreto il sogno di vivere in un continente aperto, accogliente, in pace.  

Per questo lavorava e in questo credeva Antonio, in questo crediamo anche noi a Lanciano. Ora tocca a tutti noi, in particolare ai più giovani, raccogliere il suo testimone di speranza e competenze affinché il sogno di Antonio non venga tradito. Alla sua famiglia, ai suoi amici, ai suoi colleghi giunga l'abbraccio della Città di Lanciano.

Megalizzi era un cronista e conduttore radiofonico di Europhonica, consorzio universitario. Era a Strasburgo per seguire l'assemblea plenaria dell'Europarlamento. Al momento dell'attentato, si trovava insieme ad altre colleghe, rimaste illese: il terrorista Cherif Chekatt gli ha sparato alla nuca. 

La morte del giovane Antonio riporta alla mente un altro tragico episodio che colpì l'Italia e l'Abruzzo, in un attentato simile: due anni fa, a Berlino, Fabrizia Di Lorenzo, 31 anni, di Sulmona (L'Aquila), morì mentre visitava i mercatini di Natale della città tedesca, su cui piombò un tir che portò morte e dolore. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento