menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lanciano ricorda il bombardamento del 20 aprile 1944

Le conseguenze di quella strage furono devastanti: centinaia di persone, tra soldati e civili, perirono a causa delle ferite riportate e vennero avvolti dalle fiamme, causate dal carburante fuoriuscito dalle autocisterne in sosta

La mattina del 20 aprile 1944, Lanciano fu ferita nel cuore da un bombardamento disumano, a opera degli stukas del Terzo Reich. Un attacco aereo mirato su piazza Plebiscito, in quel momento affollatta di persone, veicoli civili e militari. 

Le conseguenze furono devastanti: centinaia di persone, tra soldati e civili, perirono a causa delle ferite riportate e vennero avvolti dalle fiamme, causate dal carburante fuoriuscito dalle autocisterne in sosta. Una strage che la città non ha dimenticato. 

Per questo, 74 anni dopo, venerdì 20 aprile, è in programma la commemorazione di quel terribile bombardamento, con una cerimonia ufficiale. Il ritrovo in piazza Plebiscito è fissato per le ore 11, con al deposizione della corna di alloro alla nuova lapide in memoria delle vittime di quella follia. "I tempi mutano, la memoria resta", recita la locandina dell'evento. 

20 aprile-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: in Abruzzo 502 nuovi positivi e 10 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento