menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rubano due volte nello stesso casolare a Palombaro: arrestati in flagrante

Grazie alla segnalazione del proprietario di un casolare i carabinieri sono riusciti a rintracciare i due fuggitivi che avevano portato via attrezzi agricoli

Due persone sono state arrestate in flagrante per aver rubato attrezzi agricoli in un casolare a Palombaro.  I carabinieri della locale stazione, unitamente ai colleghi di Casoli, sono intervenuti ieri pomeriggio grazie alla segnalazione del proprietario 61enne di un casolare agricolo in località Frattacupa, il quale aveva notato un veicolo sospetto parcheggiato nei pressi e subito dopo due persone fuggire a piedi nelle campagne adiacenti.

I militari, già impegnati sul territorio nell’ambito di una specifica attività coordinata dalla compagnia di Lanciano, riuscivano a rintracciare poco lontano i due mentre tentavano di raggiungere la strada principale.  A bordo di un’auto i carabinieri hanno scoperto che i due soggetti avevano già caricato un  compressore  e che, prima dell’arrivo del proprietario, stavano cercando di mettere in moto un trattore agricolo per portarlo via.

L.D.E. 42enne di Scerni A.D.N., 29enne di Palombaro, sono stati condotti in caserma: dalle ulteriori verifiche è emerso che gli stessi erano già stati nello stesso casolare anche il giorno prima, rubando diverse attrezzature agricole.

L’immediata perquisizione domiciliare permetteva il rinvenimento dell’attrezzatura mancante: un decespugliatore, una mola, una motosega una saldatrice, un trapano ed attrezzi vari. Materiale che, dopo essere stata riconosciuto dal proprietario, veniva restituita allo stesso. Il valore di tutta la refurtiva si aggira intorno ai 15 mila euro

Al termine delle operazioni L.D.E. e A.D.N. sono stati dichiarati in stato di arresto per furto aggravato continuato: il primo, che aveva precedenti, è stato accompagnato in carcere, l’altro è finito agli arresti domiciliari, entrambi a disposizione della Procura della Repubblica di Lanciano in attesa del rito direttissimo.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento