Cronaca

Ladri d'auto in trasferta dalla Puglia a Ortona sorpresi con arnesi da scasso in auto: divieto di ritorno per 3 anni

Due uomini sono stati sorpresi stamani nel centro cittadino dai carabinieri: a insospettirli il fatto che viaggiassero a bassa velocità

Dalla provincia di Foggia, erano arrivati a Ortona per rubare auto. O almeno questo è il sospetto dei carabinieri che nelle prime ore di questa mattina li hanno individuati e denunciati: si tratta di un uomo di 30 anni e uno di 36, entrambi di Orta Nova (Foggia). 

I due sono già noti alle forze dell'ordine, per reati contro il patrimonio, in particolare per furti d'auto nelle regioni della dorsale centro-nord adriatica. 

Come detto, un equipaggio dell'aliquota radiomobile della compagnia di Ortona ha individuato questa mattina preso una vecchia Toyota Yaris blu che percorreva a bassa velocità le strade del centro. Il sospetto dei carabinieri è stato sin da subito che i due fossero alla ricerca di qualcosa o qualcuno. 

Così, li hanno fermati, chiedendo i documenti d'identità. Entrambi hanno dichiarato di esserne sprovvisti e, alla domanda di fornire le loro generalità e di spiegare i motivi della presenza a Ortona, hanno dato risposte vaghe. 

Una titubanza che ha indotto i carabinieri a perquisire l'auto, dove sono stati trovati, abilmente occupati nell'abitacolo, diversi arnesi da scasso tra cui una grossa mazza in ferro e un cacciavite modificato per forzare le portiere delle auto. I due uomini sono stati condotti in caserma edidentificati tramite fotosegnalamento. 

Oltre alla denuncia in stato di libertà, sono stati segnalati al questore di Chieti per il rimpatrio ad Orta Nova con il foglio di via obbligatorio: gli è vietato di fare ritorno a Ortona per 3 anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri d'auto in trasferta dalla Puglia a Ortona sorpresi con arnesi da scasso in auto: divieto di ritorno per 3 anni

ChietiToday è in caricamento