Cronaca

Declassamento laboratorio analisi, Di Primio alla Asl: il provvedimento va sospeso

Il sindaco scrive al direttore generale Francesco Zavattaro dopo aver appreso che la nuova versione dell'atto aziendale cancellerebbe la complessità del laboratorio analisi di Colle dell'Ara. Chiede un confronto con la Asl e la sospensione del provvedimento

Il sindaco di Chieti ha scritto una lettera a Zavattaro in merito al paventato declassamento del laboratorio analisi di Chieti.

Al direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti Di Primio chiede un confronto per comprendere le ragioni di una tale decisione così penalizzante per il rinomato laboratorio analisi del policlinico di Chieti, laboratorio che conta 3 milioni di esami l’anno. “Non possono mortificarsi professionalità ed esperienza sull’altare di un non meglio identificato equilibrio economico gestionale” scrive il primo cittadino.

Come  rivelato dai sindacati, in virtù dell’ultima versione dell’atto aziendale la Asl avrebbe concordato con l’università una mini unità a programma ignoto dove relegare il primario che negli ultimi 4 anni ha diretto il laboratorio di Chieti, struttura d’avanguardia e unica a operare h24.

Di Primio nella lettera non si limita ad avere delucidazioni bensì chiede a Zavattaro di sospendere l’efficacia del provvedimento conseguente alla delibera adottata dall’Azienda sanitaria locale che ridurrebbe a unità semplice il laboratorio analisi dell’ospedale di Colle dell’Ara.

Il sindaco lamenta anche di non essere stato informato preventivamente di una tale decisione riorganizzava cogliendo l’occasione per sollecitare un maggior dialogo tra Asl e amministrazione comunale anche su altri temi cari ai cittadini, come viabilità in via dei Vestini e Cup.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Declassamento laboratorio analisi, Di Primio alla Asl: il provvedimento va sospeso

ChietiToday è in caricamento