Cronaca

Iva non pagata per venti milioni: condannato l'imprenditore Toto

Il tribunale di Chieti ha condannato a 4 mesi di reclusione Alfonso Toto, amministratore delegato della Toto spa per aver omesso di versare l'iva nel 2013, poi pagata a rate

Il giudice monocratico del tribunale di Chieti ha condannato a 4 mesi di reclusione l’imprenditore Alfonso Toto, 40 anni, figlio di Carlo Toto, per non aver versato venti milioni di iva. I fatti risalgono al 2013, l’amministratore delegato della Toto spa poi ottenne dall’Agenzia delle Entrate la rateizzazione del debito.

I suoi difensori hanno evidenziato che la Toto spa in quel periodo dovette fronteggiare un crisi di liquidità dovuta ai maggiori costi che l’impresa fu costretta a sostenere mentre stava effettuando i lavori lungo l’autostrada Firenze-Bologna, costi che solo in seguito vennero riconosciuti da Autostrade per l’Italia e che la scelta dell'imprenditore, in crisi di liquidità, fu quella di destinare i soldi al pagamento degli stipendi e dei contributi ai suoi 700 dipendenti.

Gli avvocati hanno fatto sapere che ci sarà ricorso in appello.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Iva non pagata per venti milioni: condannato l'imprenditore Toto

ChietiToday è in caricamento