Lanciano, Its al primo convegno della rete Its della Meccatronica a Bologna

La rete, nata nel 2015, mira a facilitare lo scambio di innovazione e buone prassi e comprende istituti di 6 regioni

L'Its di Lanciano ha partecipato ieri (venerdì 22 gennaio), unico in Abruzzo, al primo convegno organizzato dalla rete italiana degli Its della Meccatronica a Bologna, insieme a istituti di Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Umbria e Puglia. La rete, nata nel 2015, mira a facilitare lo scambio di innovazione e buone prassi, e comprende gli Its più avanzati nel campo della meccanica e meccatronica, tutti premiati per eccellenza dal ministero dell'Istruzione. 

L’incontro, sul tema "La sfida dell'industria 4.0. Gli Its Area meccatronica sono pronti per formare le competenze richieste dalla nuova industria?", ha rappresentato un importante momento di dialogo e confronto tra le scuole e le aziende. In rappresentanza dell'istituto lancianese è intervenuto il presidente della fondazione Its sistema meccanica, Gilberto Candeloro, accompagnato dagli allievi del corso di meccatronica e da rappresentanti del partenariato, Confindustria Chieti-Pescara, scuole, enti di formazione.

“Gli Its della meccanica e meccatronica – ha sottolineato Candeloro - sono pronti a rispondere alla sfida dell'Industria 4.0, la quarta rivoluzione industriale, che porterà la richiesta di nuovi profili professionali e di nuove competenze e che rappresenta una grande opportunità per le nuove generazioni”. 

Candeloro ha posto l’accento sull’importanza delle competenze: “Gli Its – ha detto - sono valutati sulla base delle loro performance e la presenza importante delle imprese, dalla definizione dei profili professionali alla progettazione dei tirocini formativi ed alla messa a disposizione di proprio personale per la docenza, fa sì che debbano rispondere ed adeguarsi necessariamente ai cambiamenti di paradigma in atto. Questo – ha concluso Candeloro - è dimostrato dai risultati che l'Its Sistema meccanica di Lanciano sta producendo in termini di occupazione (oltre 90% di occupati ad un anno dal diploma) grazie ad un'offerta di formazione di alta  qualità basata sulle reali esigenze del mondo del lavoro”.

A conclusione del convegno è intervenuto anche il sottosegretario all’Istruzione Gabriele Toccafondi, che ha sottolineato che "gli Its sono la carta su cui puntiamo per il terziario professionalizzante. Nate nel 2010, adesso sono 83 le fondazioni autonome, 363 corsi e 5.500 corsisti. I primi diplomati trovano lavoro per il 76,6%. Il Miur – ha concluso Toccafondi - conferma il finanziamento e da quest'anno il 30% delle risorse saranno date con criteri di qualità dei risultati soprattutto in merito ai diplomati che trovano lavoro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento