rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca Centro / Piazza Garibaldi

Istituti Riuniti, presidio a oltranza: "Vogliamo sapere che fine faranno le case di riposo"

Presidio di sindacati e lavoratori davanti alla sede in piazza Garibaldi: "Finita la campagna elettorale non si vede più nessuno". A rischio l'assistenza a 130 anziani e disabili, assieme a una settantina di posti di lavoro

Lavoratori e sindacati in presidio a oltranza con manifesti e striscioni davanti agli Istituti riuniti "San Giovanni Battista", in piazza Garibaldi, per tenere alta l'attenzione sul futuro, a rischio, della struttura che assiste anziani e disabili. Se l’ex Ipab dovesse chiudere, verrebbe meno l’assistenza ai 130 pazienti fra anziani e disabili, mentre diversi lavoratori, e di conseguenza tante famiglie monoreddito, resterebbero senza alcun sostentamento. 

Da alcuni mesi infatti, i 70 dipendenti non ricevono lo stipendio e non vengono pagati i fornitori, mentre i fondi stanziati dalla Regione Abruzzo per il 2014 secondo i lavoratori non sarebbero mai arrivati.

Nelle ultime settimane, dopo aver fatto irruzione in consiglio comunale a Chieti, i lavoratori degli Istituti riuniti di assistenza San Giovanni Battista hanno protestato anche in Regione. Ora i sindacati annunciando un altro presidio davanti alla sede della Regione a Pescara il prossimo 30 ottobre, quando si terrà un tavolo tecnico al quale non sono stati invitati. "Vogliamo sapere che fine faranno le case di riposo" dicono "finite le campagne elettorali con un via vai di candidati di destra e sinistra in cerca di voti, i nostri politici scompaiono".
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Istituti Riuniti, presidio a oltranza: "Vogliamo sapere che fine faranno le case di riposo"

ChietiToday è in caricamento