Cronaca

All’Ospedale di Chieti la prima lobectomia polmonare col robot

Il professor Felice Mucilli e la sue equipe hanno effettuato l'intervento col robot “Da Vinci” di ultima generazione su una paziente di 75 anni. Si tratta della prima resezione polmonare robotica per tumore eseguita finora lungo la fascia adriatica

All’Ospedale di Chieti effettuata la prima resezione polmonare robotica per tumore eseguita finora in Abruzzo e lungo l’intera fascia adriatica. Il robot “Da Vinci” di ultima generazione in dotazione al “SS. Annunziata” è stato utilizzato per l’intervento di lobectomia polmonare su una donna di 75 anni dal professor Felice Mucilli, Direttore dell’Unità Operativa di Chirurgia Generale e Toracica e della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Toracica, insieme alla sua équipe.

La paziente, già operata per un tumore della mammella e del colon, presentava un nodulo di circa 2.5 cm al lobo inferiore del polmone sinistro. La possibilità di utilizzare una metodica chirurgica meno invasiva si è resa necessaria alla luce dei precedenti interventi subiti, dell’età e delle condizioni generali  della signora. Con il robot Da Vinci sono state praticate quattro piccole incisioni di un centimetro sul torace,

"Con questo tipo di tecnica - spiega il professor Mucilli - si possono raggiungere e trattare con estrema precisione chirurgica sia i tumori polmonari sia i tumori di regioni più profonde e difficili da raggiungere con le metodiche 'a cielo aperto' come quelli del mediastino, Resta tuttavia fondamentale la selezione dei pazienti che deve essere molto accurata e rispettosa dei requisiti necessari".

Questa tecnica chirurgica mininvasiva è impiegata, specialmente sul polmone, in pochissimi Centri altamente specializzati, come quello di Pisa, diretto dalla dottoressa Franca Melfi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All’Ospedale di Chieti la prima lobectomia polmonare col robot

ChietiToday è in caricamento