menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chieti Scalo di nuovo senza acqua durante la notte, esplode la protesta

Per l'ennesima estate di fila, dalle 2 alle 5 le case della vallata, ogni notte, subiscono l'interruzione idrica. Ma è inutile tentare di contattare l'Aca per le rimostranze: "Non risponde nessuno", testimonia una cittadina

È un incubo che torna ogni estate per tutti i cittadini della parte bassa della città, specialmente quelli di Madonna delle Piane, Chieti Scalo e Brecciarola. L’interruzione idrica notturna durante la bella stagione è diventato un problema irrisolvibile, al punto che segnalazioni e lamentele fioccano quotidianamente.

Solo tre anni fa il sindaco Umberto Di Primio aveva inscenato lo sciopero della sete sotto la sede dell’Aca, per rivendicare il diritto all’acqua di tutti i cittadini della vallata.

Tre estati dopo, il copione è sempre lo stesso: dalle 2 alle 5 del mattino, i rubinetti restano a secco. A prescindere dalle temperature, bollenti quelle di questi giorni, e dalle esigenze di ciascun cittadino.

L’ultima segnalazione arriva da una lettrice che racconta di essersi rivolta al primo cittadino, che l’ha invitata a rivolgere le sue rimostranze all’Aca. Ma dal centralino dell’azienda acquedottistica nessuna risposta: “Sto provando da un’ora a chiamare – racconta – gli uffici dell’Aca: chiaramente non risponde nessuno”.

Ma i resoconti di interminabili e caldissime nottate senza acqua sono moltissimi, tutti diversi fra loro, ma tutti uniti da un fattore comune: “La sospensione – lamentano i cittadini – è totalmente immotivata”. E così si sovrappongono le storie di mamme e papà di neonati che non possono lavarli a dovere dopo aver cambiato il pannolino, lavoratori o viaggiatori che non possono farsi una doccia dopo essere rientrati in tarda serata, anziani impossibilitati ad usare il bagno. Per l’ennesima estate di fila. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento