rotate-mobile
Cronaca Lanciano

Chiuse le indagini sulla morte di Annamaria D'Eliseo: subito a processo il marito

Si aprirà il prossimo 10 maggio, in Corte d'assise a Lanciano, il processo per Aldo Rodolfo Di Nunzio, 71 anni, accusato di aver strangolato la moglie 60enne e di averne inscenato il suicidio

La Procura di Lanciano ha chiuso le indagini e chiesto il rinvio a giudizio per Aldo Rodolfo Di Nunzio, il 71enne ex vigile del fuoco accusato di aver strangolato la moglie Annamaria D'Eliseo e di averne inscenato il suicidio.

L'inizio del processo in Corte d'assise, a Lanciano, è stato fissato al prossimo 10 maggio. La procura di Lanciano ha chiesto e ottenuto il giudizio immediato per omicidio volontario. Di Nunzio è stato arrestato lo scorso 11 gennaio, a 18 mesi dalla morte della bidella 60enne avvenuta il 15 luglio 2022 nel garage della loro abitazione in contrada Iconicella.

L'uomo è tuttora rinchiuso nel carcere di Villa Stanazzo, dopo che recentemente anche il tribunale del Riesame dell'Aquila ha rigettato la richiesta di scarcerazione.

Secondo la procura di Lanciano, Di Nunzio avrebbe afferrato al collo la moglie e stringendo con forza con un filo elettrico ne avrebbe cagionato il decesso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiuse le indagini sulla morte di Annamaria D'Eliseo: subito a processo il marito

ChietiToday è in caricamento