Indagini alla De Cecco, Coldiretti: "Fare chiarezza, è il terzo produttore italiano di pasta"

L’ipotesi di reato contestata dalla procura di Chieti al pastificio di Fara San Martino è di frode in commercio

La procura di Chieti indaga sui vertici del pastificio De Cecco di Fara San Martino: l’ipotesi di reato contestata è quella di frode in commercio relativa alla presunta importazione, lo scorso mese di febbraio, di grano registrato come pugliese ma in realtà acquistato da una società francese. 

Mentre si cerca di far luce sulla vicenda, in base agli elementi raccolti dai carabinieri del Nas, sulle vicenda arriva il commento della Coldiretti, la quale ricorda che l’obbligo di indicare la reale origine del grano impiegato nella pasta è scattato in Italia il 13 febbraio 2018, sotto la spinta della stessa, per garantire trasparenza sulle scelte di acquisto dei consumatori e sostenere i produttori italiani.

“Con record del 29% degli acquisti di pasta Made in Italy che utilizza solo grano nazionale, è necessario fare al più presto chiarezza sull’ipotesi di reato di frode in commercio contestata dalla procura di Chieti alla De Cecco - afferma la Coldiretti - che è il terzo produttore italiano di pasta dalle cui scelte di acquisto dipende molto del lavoro di molte aziende agricole nazionali, ma anche di interi territori dove non ci sono vere alternative produttive al grano”. Recentemente l’Antritrust è intervenuto per garantire il rispetto delle informazioni ai consumatori: l’autorità ha imposto di rinunciare alla dicitura ‘Made in Italy’ nel caso di utilizzazione di grano proveniente da Paesi stranieri quando la mancanza di informazioni precise o altrimenti la loro collocazione in posizione marginale sull’imballaggio induca in errore il consumatore.

Per Coldiretti Abruzzo è anche necessario che “gli enti pubblici che erogano fondi, tra cui le Regioni attraverso i Piani di sviluppo rurale, tengano in considerazione solo le aziende che si impegnano concretamente per la valorizzazione del made in Italy dal campo alla tavola”.
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

Torna su
ChietiToday è in caricamento