Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Twitter: picco di messaggi antisemiti in Abruzzo, l'indagine di Vox

Secondo l'Osservatorio italiano sui diritti, che per 8 mesi ha monitorato oltre 2 milioni di tweet, la nostra regione segna un primato negativo per messaggi di odio contro gli ebrei. Fra i messaggi presi in considerazione spiccano anche gli insulti a donne e disabili

Un monitoraggio durato 8 mesi, per più di 2 milioni di Tweet estrapolati, divisi in base alla geolocalizzazione e studiati. È il risultato dell’analisi condotta da Vox, Osservatorio italiano sui diritti, in collaborazione con le università di Milano, Roma e Bari. Il risultato sono 5 mappe dell’intolleranza contro donne, omosessuali, diversamente abili, immigrati ed ebrei.

Mappe basate su tutti i tweet geolocalizzati, ossia con l’indicazione della città da cui sono stati scritti, contenenti insulti, derisioni, parole offensive e spesso violente nei confronti di categorie maggiormente prese di mira. Ne è emerso un quadro poco edificante: i 140 caratteri che il sito di microblogging mette a disposizione impongono una concentrazione del pensiero e, spesso, danno ampio spazio a insulti, razzismo, omofobia, contenuti offensivi.

Se le regioni del nord, forse anche perché l’uso di Twitter è più diffuso, sono quelle a maggior rischio, l’Abruzzo non fa una bella figura. La nostra regione, infatti, segna un picco di messaggi antisemiti postati sul social. Fra i 6mila tweet raccolti in 3 mesi, 1.150 sono stati geolocalizzati, ossia il 13%.

MISOGINIA. Le offese contro le donne, con una distribuzione nazionale pressoché uniforme, hanno registrato picchi, fra gli altri, nell’area sud dell’Abruzzo. Da qui, infatti, sono stati lanciati nel web tweet con termini offensivi e violenti.

ANTISEMITISMO. Gli abruzzesi su Twitter segnano un altro triste primato, quello con il picco di messaggi negativi contro gli ebrei. Nella mappa che documenta i dati raccolti, l’Abruzzo rappresenta una sorta di “zona rossa” dell’antisemitismo.

OMOFOBIA. La discriminazione contro gli omosessuali, concentrata specialmente in alcune regioni del nord, trova terreno poco fertile nelle province abruzzesi.

RAZZISMO. Anche in questo caso, sono soprattutto gli utenti residenti in regioni del nord ad abbandonarsi a tweet offensivi nei confronti degli stranieri. L’Abruzzo, almeno stando ai dati raccolti da Vox Populi, sembrerebbe un’isola felice,almeno sul social network.

DISABILITA’. I messaggi discriminatori contro le persone portatrici di handicap sono diffusi uniformemente su tutto il territorio nazionale, con una concentrazione particolare in Lombardia, Campania e a sud dell’Abruzzo. 

L'intenzione degli organizzatori dell'analisi è quella di diffondere le mappe dell'intolleranza fra enti pubblici e scuole, specialmente nelle zone con i dati più significativi, per mettere a punto una strategia contro l'odio nei confronti del diverso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Twitter: picco di messaggi antisemiti in Abruzzo, l'indagine di Vox

ChietiToday è in caricamento