menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incontro in Regione per scongiurare la chiusura della Ball di San Martino sulla Marrucina

A portare solidarietà ai lavoratori dello stabiilmento di lattine c'erano anche 20 sindaci del comprensorio. Il presidente della Regione si è impegnato in prima persona

Interrompere la procedura di chiusura dello stabilimento di San Martino sulla Marrucina, avviare un confronto sulle argomentazioni sollevate oggi da Regione e sindacati, individuare una soluzione condivisa che non cancelli altri posti di lavoro sul territorio.

Sono queste le richieste avanzate dal presidente vicario della giunta regionale, Giovanni Lolli, ai rappresentanti della proprietà della Ball, la multinazionale produttrice di lattine che ha deciso di interrompere la produzione nello stabilimento abruzzese e licenziare i 75 dipendenti del sito.

Alla riunione di oggi, convocata nella sede di Pescara della Regione, hanno partecipato anche i rappresentanti sindacali, i sindaci dei centri del comprensorio e una delegazione dei lavoratori della Ball.

Lolli ha assicurato 

Porremo in essere tutte le iniziative possibili per difenderci e scongiurare quella che appare come una scelta assurda, visto che lo stabilimento di San Martino è uno dei più performanti del gruppo. Ai lavoratori, però, assicuro che non molleremo e non li lasceremo soli in questa vertenza, che siamo pronti a portare anche sul tavolo nazionale.

Un nuovo incontro con la proprietà della Ball è previsto dopo il 5 novembre prossimo

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento