Cronaca

Lavoro, meno incidenti ma in aumento le malattie: oltre 5000 casi

Aumentate del 39% le malattie professionali in Abruzzo nel 2011. Chieti resta la provincia nera per numero di infortuni: 6.235 nel 2011 e 10 casi mortali. Molte le irregolarità in azienda

In Abruzzo avvengono meno infortuni sul lavoro, ma stanno aumentando le malattie professionali, con patologie anche gravi, spesso non denunciate.

I dati Inail resi noti dalla Cgil fotografano una realtà nella quale le irregolarità aziendali si attestano attorno a una media del 59%, che nell'edilizia arriva al 79%.  Cresce il numero delle donne che lavorano in nero.

Chieti resta la prima provincia per numero di incidenti sul lavoro: 6.235 nel 2011, seguita da Teramo (4.248), Pescara (3.996) e L'Aquila ( 3.797). In totale gli infortuni sul lavoro in Abruzzo lo scorso anno sono stati 18.218, contro i 19.427 del 2010. Solo in quell'anno il "costo" degli infortuni si è aggirato intorno ai 7 milioni di euro

Gli incidenti mortali complessivamente sono stati 21, 8 in meno rispetto al 2010, di questi 10 a Chieti, ancora maglia nera, 5 a L'Aquila, 3 a Pescara e 3 Teramo.

Il record negativo di decessi sul lavoro in Abruzzo resta quello del 2006, con 40 vittime.

Per l'agricoltura i dati disponibili si fermano al 2010, anno in cui è stato il settore a registrare il maggior numero di infortuni, 2.172.

Sempre nel 2010 crescita preoccupante delle malattie professionali: 5.652 casi, rispetto ai 4.056 del 2009 (+39,3%). Si registra un aumento delle patologie osteo-articolari e muscolo-tendinee (4.000 nel 2010), per ipoacusia da rumore (696 nel 2010), malattie respiratorie e tumori (55 casi).

L'Inca Cgil nelle prossime settimane distibuirà oltre duemila questionari per avviare un'indagine conoscitiva sugli incidenti sul lavoro relativamente al 2012.

 

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro, meno incidenti ma in aumento le malattie: oltre 5000 casi

ChietiToday è in caricamento