Giovedì, 28 Ottobre 2021
Incidenti stradali Orsogna

Via Paolucci a Orsogna è una trappola mortale, il sindaco: “Fondi subito, basta promesse”

Montepara chiede un intervento urgente da parte di Provincia e Regione

Il sindaco di Orsogna  Fabrizio Montepara, e la Giunta comunale hanno nuovamente chiesto alla Regione Abruzzo e alla Provincia di Chieti di rendere rapidamente disponibili i fondi necessari alla sistemazione di via Raffaele Paolucci, la strada provinciale che attraversa il centro abitato e rappresenta un pericolo costante per automobilisti, ciclisti e chiunque la percorra a piedi o su un veicolo. Proprio qui, lo scorso 22 dicembre, si è verificato un incidente mortale in seguito allo scontro frontale tra autovetture. Dossi, buche e malformazioni di ogni genere hanno reso il manto stradale pericoloso e inducono gli automobilisti a transitare al centro della carreggiata.

"Il presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, dice che i soldi, anzi tanti soldi, ci sono - afferma Montepara -, mentre il presidente della Provincia, Mario Pupillo, in un recente incontro con i sindaci per fare il punto della situazione della viabilità, ha invece affermato che i fondi non sono disponibili. E’ da quando sono stato eletto, nel 2014, che invio decine di lettere, richieste, proposte, sollecitazioni, relazioni della Polizia municipale, partecipo a incontri e ogni volta si torna al punto di partenza, è tutto un “vedremo e faremo”. Nel frattempo ci è “scappato il morto”. Se fosse una strada di competenza del Comune avremmo risolto da tempo, mentre da Regione e Provincia, ormai da quattro anni, otteniamo solo promesse. Se non avremo in tempi rapidi un progetto cantierabile, approvato e finanziato - conclude Montepara -, saremo costretti come Amministrazione comunale ad avviare iniziative drastiche per tutelare l’incolumità dei cittadini che percorrono il viale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Paolucci a Orsogna è una trappola mortale, il sindaco: “Fondi subito, basta promesse”

ChietiToday è in caricamento