5 mila cartucce da sparo sul camion senza autorizzazione scoperte dopo l'incidente: denunciato l'autista

L'uomo era partito da Bologna ed era diretto in Calabria. Sul mezzo c'era altra merce non pericolosa, mentre il materiale esplosivo non era segnalato

L'incidente stradale in cui è rimasto coinvolto sull'autostrada gli è costato ben più del camion danneggiato. Un 53enne della provincia di Cosenza è stato denunciato perché trasportava un carico abusivo di cartucce da sparo. 

A individuarlo gli agenti della polizia stradale del distaccamento di Lanciano. L'autista e la ditta per cui lavora dovranno pagare una sanzione di oltre 5 mila euro. Oltre alla sospensione della patente, gli verranno decurtati 15 punti. A questo si aggiunge il fermo amministrativo del veicoli e la sospensione della carta di circolazione da 2 a 6 mesi.

Il mezzo pesante, partito dall'interporto di Bologna, è rimasto coinvolto in un incidente al chilometro 420 dell'A14, nel territorio comunale di Fossacesia. Immediatamente sono arrivate le pattuglie della polstrada per i rilievi del caso, ma gli agenti, oltre a cercare di ricostruire l'accaduto, hanno controllato anche l'autista e la merce trasportata. 

A un primo controllo, il trasporto risultava regolare, perché a bordo del mezzo c'era merce di varia natura: bottiglie di vino, rubinetteria, materiale da ferramenta, abbigliamento. Tuttavia, il camionista è apparso da subito piuttosto agitato, atteggiamento che ha insospettito gli agenti, facendo scattare un controllo più approfondito. 

Così, si è passata al setaccio tutta la merce. Si è scoperto che, in mezzo al resto, c'erano 18 scatole per le quali non vi era alcuna documentazione comprovante il trasporto. Perlopiù, all'interno contenevano 5 mila cartucce da sparo per munizionamento per fucili da caccia e uso sportivo, diretti a un'armeria della provincia di Reggio Calabria.

L’autista si è provato a giustificare pensando non ci fosse la necessità di particolari autorizzazioni per il trasporto di materiale esplodente.

La polizia stradale ha sequestrato le munizioni, che sono state poste a disposizione dell’autorità giudiziaria. L'autista e il titolare della ditta di Reggio Calabria sono stati denunciati; quest'ultimo, tra l'altro, è già noto alle forze dell'ordine per frode e trasporto abusivo di materiale esplodente.

La normativa in materia di trasporto di merci pericolose, come appunto le munizioni, è molto stringente e prevede particolari autorizzazioni, nonché requisiti che deve avere il mezzo di trasporto. In primis, c'è l’obbligo di segnalare con appositi pannelli la merce pericolosa trasportata, trasportare estintori a bordo, avere istruzioni scritte. Inoltre, il conducente deve conseguire una particolare abilitazione alla guida di mezzi che trasportano merci pericolose.

Se l'incidente avesse causato un'esplosione, le coseguenze sarebbero potute essere tragiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

foto comunicato2 05.06.2020-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • Coronavirus: altri 37 nuovi positivi, 11 nel Chietino

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Camioncino della nettezza urbana si ribalta contro un muro di cinta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento