menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Treglio in lutto per Hamida: ecco chi era la donna investita

Madre di due figli, di origini tunisine, si era stabilita in Italia da una vita. Era molto nota e benvoluta nel paese in cui viveva e a Castelfrentano, doveva aveva passato diversi anni

Si chiamava Hamida Ghazouani e aveva 58 anni la donna morta ieri sera, dopo essere stata investita da un'automobile lungo la strada che porta al casello autostradale di Lanciano, nel territorio di Rocca San Giovanni. Di origini tunisine, la donna si era stabilita in Italia da tempo: qui aveva costruito la sua famiglia e avuto i due figli. Da qualche tempo viveva a Treglio, in contrada Paglieroni.

Ieri sera, intorno alle 20.30, mentre attraversava la strada, una Volkswagen Tiguan l'ha travolta senza lasciarle scampo. E al dolore per una morte assurda si aggiunge la polemica per un tratto di strada pericoloso per automobilisti e pedoni. Nonostante gli appelli dei sindaci della zona, in particolare del primo cittadino di Treglio Massimiliano Berghella, la segnaletica resta carente, l'illuminazione scarsa, non ci sono segnalatori adeguati e spesso, in molti, non rispettano i limiti di velocità.

Proprio Berghella, ieri sera, è arrivato sul luogo dell'incidente, travolto dal dolore e dalla rabbia. Da anni, infatti, cerca di sollecitare gli enti competenti a intervenire in maniera efficace su quella strada fondamentale per la zona, percorsa quotidianamente da centinaia di auto e pedoni. E, ora, il sindaco di Treglio annuncia che farà il possibile per evitare che possano ripetersi altre tragedie come quella consumatasi ieri sera.

A Chieti Today un residente della zona racconta quanto, in effetti, la strada sia pericolosa: "Abito di fronte al luogo dell'incidente, nei pressi dell'Eurospin. Potrà sembrare strano, ma proprio su quel punto ci sono le strisce pedonali: nessuno lo sa, perché la segnaletica è assolutamente insufficiente. Strisce cancellate, nessun segnalatore luminoso, nessun rallentatore, cartelli poco visibili, su una strada provinciale che è una delle più trafficate della provincia di Chieti a scorrimento veloce".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento