Omicidio stradale, condannato giovane di Tollo: "Era ubriaco e sotto l'effetto di cocaina"

Nove anni di reclusione per omicidio stradale, in tribunale a Chieti il processo con il rito abbreviato. Due anni fa la morte di Lorenzo Polidori e Sebastian Bogdan Braga, 26 e 19 anni

È stato condannato a nove anni di reclusione per omicidio stradale Mirco Cavuto, il 34enne che due anni fa rimase coinvolto in un incidente che causò la morte di due giovani ragazzi di Tollo. Ieri il gup del tribunale di Chieti lo ha condannato e interdetto in perpetuo dai pubblici uffici, con revoca della patente di guida. 

La tragedia risale al 10 giugno del 2018 quando, dopo una cena, sebbene non in condizioni di guidare, l’uomo si mise al volante della sua Alfa Romeo Mito con l’amico Lorenzo Polidori, 26 anni. Improvvisamente, mentre erano alle porte di Canosa Sannita, l’auto che viaggiava ad alta velocità invase la corsia opposta andando a finire  contro lo scooter di Sebastian Bogdan Braga, 19 anni, finendo la corsa contro un palo.

Lorenzo morì sul colpo, Sebastian dopo una notte di agonia in ospedale. Mirco Cavuto invece venne ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Chieti. Un lutto e una tragedia che sconvolse l’intera comunità di Tollo. 

Ieri il processo con rito abbreviato. Cavuto è stato anche condannato al risarcimento danni sia alla famiglia del 19enne morto nell’incidente che all’Associazione sostenitori ed amici della Polizia Stradale, entrambe, costituitesi parte civile.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento