menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto Davide Mantini)

(foto Davide Mantini)

Brucia la discarica abusiva di Colle Marconi, ritardi per la strada franata

Quintali di rifiuti a fuoco, quasi certamente di origine dolosa, mentre i vigili del fuoco faticano ad intervenire a causa della frana. Il chiarore è visibile da tutta la città e alcuni residenti hanno spontaneamente lasciato le case

Discarica abusiva a fuoco nella notte fra sabato (27 giugno) e domenica (28 giugno). Il rogo, quasi certamente doloso, riguarda una discarica abusiva in zona Colle Marconi, sulla strada provinciale che collega la città di Chieti a Casalincontrada, interrotta dal mese di marzo da una frana. 

Proprio la strada danneggiata sta rallentando notevolmente i soccorsi dei vigili del fuoco, allertati sin dai primi minuti dai cittadini. Al momento si attende l'intervento di un elicottero che però non potrà alzarsi in volo e raggiungere il rogo prima dell'alba. Nella discarica si trovano rifiuti di ogni genere: pile, bidoni con sostanze tossiche, immondizia ormai indefinibile perché giace lì da anni.

Il chiarore è chiaramente visibile da tutta la città, così come la nube che inizia ad allargarsi. E' consigliabile, dunque, tenere le finestre chiuse ed evitare di tenere su balconi o nei giardini panni stessi o balconi. Alcuni residenti che vivono nelle case intorno all'area che ha preso fuoco hanno deciso spontaneamente di allontanarsi dalle loro abitazioni. Le testimonianze più vicine parlano di fiamme altissime, che si sentono scoppiettare distintamente.

IL VIDEO DEL ROGO

AGGIORNAMENTO ORE 2.46: Sulla strada interrotta, di competenza provinciale, stanno lavorando gli operai della ditta Dmp, per tentare di creare un varco ai vigili del fuoco. Fra poche ore i sindaci di Chieti e Bucchianico comunicheranno provvedimenti ed eventuali divieti a tutela della salute pubblica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento