menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto Matteo Zappacosta)

(foto Matteo Zappacosta)

Continua a bruciare la discarica abusiva, le opposizioni vogliono le dimissioni di Di Primio

L'Arta ha eseguito le campionature sul materiale bruciato: i risultati saranno pronti fra qualche ora. Il sindaco sta predisponendo un'ordinanza per raccomandare a chi vive nelle vicinanze di tenere porte e finestre chiuse e non consumare ortaggi coltivati nella zona

Continua a fumare la discarica abusiva di Colle Marconi, mentre il fumo è visibile da tutta la città. Il sindaco Umberto Di Primio ha comunicato che fra qualche ora i tecnici dell’Arta comunicheranno i risultati della campionatura dei materiali bruciati nella discarica.

Successivamente, il primo cittadino e gli omologhi dei comuni vicini predisporranno ordinanze e provvedimenti a tutela della salute pubblica. Al momento la raccomandazione, per i cittadini che vivono nelle vicinanze del rogo, è quella di tenere chiuse porte e finestre, evitare di mangiare prodotti agricoli coltivati nei pressi dell’area del rogo e non sostare troppo a lungo in balconi o giardini. “Chiederò alla Asl – dice Di Primio – di effettuare ulteriori verifiche per capire se è necessario adottare provvedimenti più importanti in materia di uso dei prodotti agricoli”.

Intanto, mentre l’incendio ancora arde, a più di 12 ore dal suo innesco, iniziano a fioccare le polemiche. L’Altra Chieti e Sel hanno diffuso un comunicato congiunto in cui chiedono le dimissioni del sindaco Di Primio, “custode del nostro territorio e della nostra salute”.

“Ogni grammo di plastica (e non solo) si trasforma in un’imponente quantità di veleni, che il fumo disperde su tutta la città. Era un atto prevedibile – scrivono - perché la notizia era sulle prime pagine dei giornali. Ciò dimostra come gli amministratori non hanno fatto abbastanza e si sono limitati agli atti dovuti. Non c'è stata un'azione incisiva per sconfiggere i legami tra ecomafie e criminalità locale. C'è bisogno di un'inchiesta seria e delle dimissioni del sindaco Di Primio”.

Alessandro Marzoli, consigliere comunale Pd, chiede al Comune e agli organi competenti, “anche per evitare inutili allarmismi, che vengano informati immediatamente i cittadini di Chieti e delle aree limitrofe sui dati relativi alla qualità dell’aria, sugli accorgimenti da utilizzare per diminuire i rischi di contatto con agenti pericolosi e su tutte le future iniziative necessarie per proteggere persone, animali, acque e raccolti”

“Riteniamo infine indispensabile – prosegue - un immediato piano di bonifica dell’area incendiata con tempi certi, un maggiore controllo sui siti di stoccaggio rifiuti a rischio incendio e maggiore attenzione sulla concessione di autorizzazioni per il deposito di rifiuti in modo da limitare al massimo in futuro altri indecenti episodi sulla nostra terra come quello di questa notte”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento